mercoledì 18 settembre 2019
  •   |  A
  •   |  A
  •   |  A

Famiglia, Infanzia, Pre-Adolescenza

Famiglia, Infanzia, Pre-Adolescenza


ADOZIONE INTERNAZIONALE

Fonti e Contatti Fonti e Contatti
Documenti allegati Documenti allegati

Enti autorizzati per le adozioni internazionali

Gli Enti Autorizzati informano, formano, affiancano i futuri genitori adottivi nel percorso dell'adozione internazionale e curano lo svolgimento all'estero delle procedure necessarie per realizzare l'adozione, assistendoli davanti all'Autorità Straniera e sostenendoli nel percorso post-adozione.
La legge 476/1998 ha reso obbligatorio l'intervento dell'ente autorizzato in tutte le procedure di adozione internazionale, modificando la precedente disciplina che permetteva, invece, di rivolgersi anche direttamente alle autorità straniere. Essendo stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre 2000 l'albo degli enti autorizzati, dal 15° giorno dalla data di pubblicazione la nuova normativa è entrata in vigore e conseguentemente chi vuole adottare un bambino all'estero deve conferire l'incarico ad uno degli organismi indicati nell'albo (art.29 bis legge su adozione), entro un anno dalla avvenuta modifica del predetto decreto.

I Compiti degli Enti

I compiti degli enti autorizzati sono regolati dalla legge sull'adozione (art.31). L'ente che ha ricevuto l'incarico deve prima di tutto informare gli aspiranti adottanti sulle procedure che inizierà e sulle concrete prospettive di adozione nel paese che gli stessi hanno scelto. Deve poi trasmettere alle autorità straniere la loro dichiarazione di disponibilità all'adozione, unitamente al decreto di idoneità e alla relazione dei servizi sociosanitari, e attendere di ricevere da quelle autorità la proposta di incontro con un determinato bambino.
L'Autorità straniera fa la proposta all'ente che la comunica agli aspiranti genitori adottivi, e se essi accettano di incontrare il bambino e, avvenuto l'incontro, si instaura un rapporto positivo, comunica all'Autorità straniera la propria adesione alla proposta fatta ai coniugi, i quali dal canto loro hanno consentito all'abbinamento, ed assiste questi ultimi in tutte le attività da svolgere nel paese straniero: presenzia all'udienza di adozione, trasmette la sentenza di adozione alla Commissione per le Adozioni Internazionali e chiede a quest'ultima l'autorizzazione all'ingresso del minore in Italia.

Ottenuto il provvedimento di autorizzazione all'ingresso, l'ente vigila sulle modalità di trasferimento del bambino in Italia, dove questo arriverà in compagnia dei genitori adottivi. Una volta che il bambino è giunto in Italia, i servizi degli enti locali assistono e aiutano, se richiesti, gli adottanti ed il minore. Devono in ogni caso riferire al Tribunale per i minorenni sull'andamento dell'inserimento, segnalando le eventuali difficoltà. L'ente autorizzato resta un punto di riferimento importante ed è tenuto a svolgere le relazioni post-adozione da mandare all'autorità straniera.

Autorizzazione Governativa

Per poter svolgere la loro attività, tutti gli organismi che si occupano di procedure di adozione internazionale devono essere in possesso di un'apposita autorizzazione governativa. Per questo vengono chiamati enti autorizzati. Se una associazione opera nel campo delle adozioni senza la predetta autorizzazione, il socio operante commette un reato punito con la reclusione da sei mesi a tre anni, e tantomeno possono operare come intermediari gli avvocati o altri professionisti, i quali quindi, rispondono del pari penalmente. Anche coloro che si rivolgono ad associazioni non autorizzate o a singolo intermediario, commettono un reato (art. 72 bis legge sull'adozione), anche se di minore gravità e, conseguentemente, punito con pena più lieve.

L'autorizzazione viene rilasciata dalla Commissione per le adozioni internazionali previo accertamento del possesso dei requisiti di legge, vale a dire che:

  • siano diretti da persone qualificate ed in possesso di idonee qualità morali;
  • dispongano di un'adeguata struttura organizzativa;
  • non abbiano fini di lucro;
  • non operino discriminazioni ideologiche o religiose;
  • si impegnino a partecipare ad attività di promozione dei diritti dell'infanzia nei paesi d'origine;
  • abbiano sede legale in Italia.

La procedura per il rilascio dell'autorizzazione è disciplinata nel regolamento di attuazione della legge sull'adozione (d.p.r. 1°.12.1999 nr.492). Gli enti autorizzati sono soggetti alla vigilanza ed ai controlli della Commissione per le adozioni internazionali, che può revocare l'autorizzazione in caso di inadempienze gravi o limitarne o sospendere l'operatività in caso di inadempienze meno gravi.
L'attività di vigilanza è volta ad accertare da una parte la permanenza dei requisiti presenti al momento dell'autorizzazione, dall'altra la correttezza della metodologia, la trasparenza dell'operato.

Molti dei paesi stranieri intendono verificare ulteriormente gli enti autorizzati dalla commissione ed instaurano un processo di accreditamento. L'ente deve dichiarare di conoscere bene il paese, la sua tradizione e la sua cultura, di conoscere bene la normativa interna sulle adozioni e di utilizzare personale serio e corretto.
Il 31 ottobre 2000 è stato pubblicato il primo albo degli enti autorizzati. L'Albo viene periodicamente aggiornato con l'inserimento di nuovi enti e con la cancellazione di quelli a cui è, eventualmente, revocata l'autorizzazione, o che hanno inteso dismettere l'attività.
Alla fine di ogni anno solare viene pubblicata sulla G.U. la nuova edizione dell'albo.


Fonti e Contatti

Attenzione! Ogni link apre una nuova pagina al sito collegato.


Documenti allegati

Per scaricare i documenti, cliccare con il pulsante destro del mouse e tramite la voce "Salva oggetto con nome" salvare sul proprio computer.

Apri il documento zip in nuova finestra  Legge 28 marzo 2001, n. 149 (formato zip - Kb. 15,44)
Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell'adozione e dell'affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile.
 
Apri il documento zip in nuova finestra  Legge 31 dicembre 1998 n. 476 (formato zip - Kb. 14,6)
Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale, fatta a L'Aja il 29 maggio 1993. Modifiche lla legge 4 maggio 1983 n. 184, in tema di adozione di minori stranieri.
 
Apri il documento zip in nuova finestra  Legge 4 maggio 1983, n. 184 (formato zip - Kb. 17,44)
«Disciplina dell'adozione e dell'affidamento dei minori»
 

 

Numero Letture: 1.782

Sezioni

Primo Piano

Protocollo Adozioni Regione Lazio

Presentato nella sede del Tribunale per i Minorenni di Roma il nuovo Protocollo operativo per la collaborazione tra servizi territoriali, enti ...

Documento completo

News correlate



Bonus luce e gas, solo 30% dei potenziali beneficiari fa richiesta
Negli ultimi 5 anni sono stati assegnati oltre 3 milioni di bonus per ridurre la spesa per luce e gas a persone in difficoltà economica. Eppure solo il 30% dei potenziali beneficiari richiede i bonus cui avrebbe diritto e le percentuali più basse si riscontrano nelle aree dove è maggiore il livello di indigenza e minore il grado di istruzione. E’ quanto emerge da una recente indagine dell’Autorità per l’energia che da oggi il via ad una nuova campagna di comunicazione affinché aumentino le richieste.
Leggi Leggi

Comune di Latina - Avviso Pubblico
Avviso pubblico, Assegnazione di contributo per la fornitura gratuita, totale o parziale dei libri di testo a favore delle famiglie in disagiate condizioni economiche, con figli studenti delle scuole medie e superiori per l'anno 2014 / 2015
Leggi Leggi

Lazio. Approvata delibera che definisce norme per eterologa. Sono 21 i centri in possesso dei requisiti
Autorizzati 7 centri pubblici e 14 privati. L'intervento sarò a carico del Servizio sanitario regionale per le donne sino a 43 anni, mentre possono essere effettuati sino a tre cicli. L'unico centro Pma pubblico in funzione a Roma è attualmente quello del S. Anna
Leggi Leggi

Comune di Latina - MENSA SCOLASTICA
Avviso pubblico per la presentazione delle domande ai fini dell'esenzione o la riduzione del pagamento della mensa scolastica per l'anno scolastico 2014/2015
Leggi Leggi

Fecondazione assistita, Consulta: il diritto di avere figli è “incoercibile”
La determinazione di avere o meno un figlio, anche per la coppia assolutamente sterile o infertile, concernendo la sfera più intima ed intangibile della persona umana, non può che essere incoercibile
Leggi Leggi

Tasi, le nuove scadenze: 16 ottobre prima rata, 16 dicembre se unica rata
Dove i Comuni non hanno deliberato per tempo, la tranche di giugno slitta di quattro mesi. Aliquote entro il 10 settembre, altrimenti un solo versamento pari all’1 per mille
Leggi Leggi

Bonus da 80 euro: a chi spetta
L’importo viene concesso sotto forma di credito di 640 euro, cioè 80 euro al mese da maggio a dicembre.
Leggi Leggi

Istituzione nuove sezioni per le scuole d'infanzia
Il Comune di Latina, con apposite delibere di giunta, ha dato seguito alla richiesta avanzata da alcune scuole dell’infanzia di istituire tre sezioni aggiuntive.
Leggi Leggi

Per fruire dei benefici prima casa servono requisiti precisi
In tema d’imposta di registro, i presupposti agevolativi sono quelli dettati dal Dm espressamente richiamato per indicare le caratteristiche delle abitazioni non di lusso
Leggi Leggi

Ammissioni agli Asili Nido comunali per l'anno scolastico 2014-2015
Si avvisa che dal 2 maggio al 31 maggio 2014 sono aperte le iscrizioni per l'anno scolastico 2014/2015 per l'ammissione agli Asili Nido Comunali di Latina.
Leggi Leggi

Visione Documenti pdf

Per visualizzare i file in formato PDF occorre avere Acrobat Reader installato sul proprio computer.
Cliccare sull'icona per scaricare gratuitamente Acrobat Reader.

Scarica Acrobat Reader
Scarica Acrobat Reader

Per visualizzare i files in altri formati vedere la sezione "Utilità"

Copyright © 2005-2019 Cooperativa Astrolabio - Segretariato Sociale Latina.
CSS Valido!   Valid XHTML 1.0 Strict   Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0